Aperte le iscrizioni al 59° Salone Nautico

© ucina.net

© ucina.net

Dal 14 marzo sono aperte le iscrizioni per la 59° edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova, organizzato da Ucina Confindustria Nautica, che si terrà dal 19 al 24 settembre.

 

Carla Demaria, presidente di Ucina, ha dichiarato: “La 59° edizione del Salone Nautico si apre sotto i migliori auspici. Nei mesi scorsi abbiamo raccolto le dichiarazioni degli espositori della passata edizione con una conferma del 100% alla partecipazione cui si aggiungono richieste di nuove partecipazioni, in maggioranza dall'estero. Le aspettative sono di un Salone in crescita rispetto ai numeri già straordinari della passata edizione, dove 951 espositori (+7,6%) hanno incontrato 174.610 visitatori (+17,8 rispetto al 2017, 57 mila stranieri), segno di una manifestazione che ha saputo consolidare il ruolo di strumento efficace per le aziende di tutta la filiera della nautica da diporto”.

 

Il direttore commerciale del Salone Nautico Alessandro Campagna ha sottolineato: "La totalità del layout degli spazi espositivi utilizzati nella passata edizione è confermata, con 115mila mq di spazio in acqua e 110mila mq a terra. Abbiamo lavorato, inoltre, per individuare nuove soluzioni tecniche per far fronte all'aumento delle richieste, dall'estensione dei pontili all'ottimizzazione di alcune aree all'aperto".

Ucina: pubblicato sulla gazzetta ufficiale il registro telematico

FOTO-SALONE-GENOVA-2011.-jpg.jpg

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, il Decreto Legislativo 14 dicembre 2018, n.152 di regolamento per l’attuazione del Sistema telematico centrale della nautica da diporto che entrerà in vigore il 14 marzo prossimo.

Lo schema di decreto era stato previsto dalla riforma del Codice della nautica – in vigore dal 13 febbraio 2018 – che ha disposto l’implementazione del Sistema telematico centrale della nautica da diporto, che include l’Archivio telematico centrale – contenente le informazioni di carattere tecnico, giuridico, amministrativo e di conservatoria riguardanti le navi e le imbarcazioni da diporto – e lo Sportello telematico del diportista.

Il regolamento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, disciplina l’organizzazione e il funzionamento del Sistema telematico centrale della nautica da diporto regolamentando le modalità.

La dichiarazione di UCINA:“Dopo tre anni impegnativi, accogliamo con soddisfazione la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del Sistema Telematico Centrale, un successo del lavoro che abbiamo svolto in sinergia con Assilea, Associazione italiana leasing, e Confarca che si farà sentire in termini di semplificazione alla burocrazia e alla duplicazione dei controlli in mare – ha dichiarato Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria Nautica -. Un risultato importante, anche se dobbiamo registrare che le perplessità espresse dagli istituti finanziari, le agenzie nautiche e la stessa Amministrazione in ordine ad alcuni aspetti organizzativi non abbiano trovato ascolto”.

Il testo regolamenta le modalità di funzionamento del SISTE, disciplinando la progressiva informatizzazione della tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto e la digitalizzazione del rilascio dei documenti di navigazione, che per le unità nuove sarà operativa da gennaio 2020.

In particolare, introduce una radicale semplificazione e razionalizzazione in relazione alla modalità di tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto, attualmente gestiti in formato cartaceo in ciascun circondario marittimo e che saranno completamente informatizzati.

Il testo prevede, inoltre, la devoluzione delle competenze di conservatoria a un’unica autorità centrale competente su tutto il territorio nazionale, e l’istituzione di sportelli telematici del diportista (STED) – vere e proprie agenzie dislocate su tutto il territorio nazionale e in collegamento telematico con la banca dati centrale – al servizio degli utenti per tutte le operazioni di iscrizione e cancellazione delle unità da diporto nei relativi registri e il rilascio dei documenti di navigazione.

Al contempo, prevede la dematerializzazione dei contrassegni relativi ai contratti di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi per i danni derivanti dalla navigazione delle unità da diporto e la loro sostituzione con la comunicazione telematica dei relativi dati all’ATCN (Archivio telematico centrale delle unità da diporto del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti), in parziale analogia con quanto previsto per il settore delle assicurazioni RCA.

 

Fonte: ucina.net

Lancio del filtro di sentina IMO Wave MiniBOSS con maggiore portata

 
Wave-MiniBOSSUSCG-copy.jpg
 

L'ultimo modello del sistema di filtri di sentina Wave MinIBOSS ha una capacità di portata doppia dell'unità standard da 24 V, 500 litri all'ora e per gli alimentatori da 110 V o 240 V, porta tutte le stesse certificazioni dell'unità standard in modo che soddisfi tutti gli IMO requisiti a livello globale.

Questo nuovo modello consente a molte più imbarcazioni di trarre vantaggio da un separatore d'acqua per olio di sentina MEPC.107 (49) piccolo, leggero ed efficiente, a basso costo, con semplici procedure di manutenzione e operative. Molti costruttori, proprietari e operatori stanno già riconoscendo i vantaggi e stanno riorganizzando i progetti in pianificazione e le nuove costruzioni in corso.

Comunicato SeaFire - Approfondimento sui sistemi antincendio per applicazioni marine

sfi24155-X6h.jpg

INSIGHTS INTO MARINE FIRE SUPPRESSION FLUIDS AND GASES

 

There's currently a great deal of misinformation within the marine industry regarding fire suppression agents, especially in light of the EU-mandated phase-down of hydrofluorocarbon-based materials looming on the horizon. Sea-Fire Marine, manufacturer of marine fire suppression and detection systems, cuts through the chatter with a brief history and comparison of agents common on board vessels the world over.

The original fire suppression agent has always been, of course, water. In the age of sail, it was ideal. Not so with the advent of the combustion engine, however. When applied to burning petroleum, the fire spreads. It also simply destroys electronics.

Carbon dioxide (CO2) and Halon derivatives were the first widely used commercial fire suppression solutions, gaining popularity in the 1950s and '60s. Unlike water, they were highly effective, electrically non-conductive and didn't leave any residue. As compressed gases, storage wasn't a major issue. Unfortunately, Halon was found to be a high ozone depleting chemical; as a result, production was banned in 1990.

With the sunsetting of Halon and the search for alternatives, CO2gained prominence. However, it has three significant drawbacks: it's a greenhouse gas, requires a large number of cylinders and is potentially fatal if breathed at design concentrations.

In the 1990s, HFCs rose to dominance as a fire suppression solution. Ideal for marine applications, HFC227 is fast, effective and clean. Like Halon and CO2, however, it's a greenhouse gas and contributes to global warming. Discharging an average-sized cylinder of HFC227 has the same CO2equivalent as driving a car 268,760 kilometers. This is why it is being eliminated as part of a phased-down mandate from the EU, and restricted or taxed by various countries such as Australia and Norway. It is expected that similar legislation will begin to affect Canada and US-flagged vessels.

In 2002, 3M introduced Novec™ 1230 Fire Protection Fluid. It offers a number of important advantages over other clean agents in marine fire suppression applications. It has low acute toxicity and high extinguishing efficiency. This gives it a wide margin of safety compared to other chemical clean agents such as HFC227. A fluid, it vaporizes rapidly during discharge, is non-corrosive, non-conductive and leaves no residue. It is, importantly, a long-term, sustainable solution with virtually zero global warming potential, e.g., it has an atmospheric life of about a week versus HFC227's 34 years. So confident is 3M of its product, it offers its BlueSkySM Warranty; if it is ever banned or restricted from use due to its environmental properties, the company will refund the cost of the fluid.

For the marine and offshore oil and gas industries, Novec 1230 fluid offers distinct advantages. Because it's a fluid, recharging is simple. Unlike CO2, a gas, it can be flown to the vessel or platform. This means less down time waiting for supplies to arrive by ground. It also takes up significantly less space.

Recently, Sea-Fire Europe ceased distribution of HFC227. The move was strategic and ethical, given the environmental profile of HFCs.

With the phase-down of HFCs, supplies are running out. This means in the immediate future there will be a serious inability to service systems. Also, with shortages beginning, costs are rising, making the switch to Novec 1230 fluid a smart move financially.

Sea-Fire recognizes that it may lose business in the short term as boat and shipbuilders continue to choose HFC-based fire systems strictly based on cost alone. But, ultimately, eliminating the use of hydrofluorocarbons is the right thing to do for the marine industry as a whole. As the first manufacturer to introduce Novec 1230 fluid into the recreational marine market in 2012, Sea-Fire is fully prepared for the phase-out of HFCs.

"As a corporation, 3M is committed to improving every life," said David Olds, 3M account executive for fire suppression applications. "Sea-Fire Europe made a difficult decision when announcing it would cease distribution of HFC227. While 3M will obviously benefit from this, the real winner here is our planet and the people we share it with."

Sea-Fire Marine has long held the belief that it is in the business of protecting people and property at sea. With its recent declaration that its master European distributor Sea-Fire Europe is ending distribution of HFC-based fire suppression fluids, it can add the environment to its list.

Seatec 2019, la 17esima edizione

marina-di-carrara.jpg

Dal 3 al 5 aprile torna Seatec a CarraraFiere, l’esposizione di tecnologia, componenti e design dedicati alla nautica da diporto. La 17esima edizione si svolgerà parallelamente a Compotec 'Hi-tech Composites Solutions', che riguarda l'industria dei materiali compositi e le loro applicazioni.

Si terranno vari laboratori, seminari e convegni, che avranno come tema l’economia legata al mare, ai porti, al’ambiente e alla ricerca. 

Gli organizzatori hanno confermato una grande partecipazione da parte di associazioni e organizzazioni del settore, tra cui: Ucina, Nautica Italiana, Cna, Rina, Assocompositi, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Autorità portuali di Genova, La Spezia e Livorno, Assitermina, Assologistica, Fercargo, Confetra, Rfi, Autostrade per l'Italia, Unione italiana interporti e Fincantieri.

Tra gli eventi in programma nell’edizione 2019 è stato confermato Seatec-Compotec Accademy, dedicato all’aggiornamento per i professionisti del settore, rivolto anche a chi necessita crediti formativi. 

Annunciate le date del 59° Salone Nautico Internazionale di Genova

SN58_Visita-Presidente-Mattarella-2.jpg

Il 19 dicembre scorso si è tenuta una riunione dell’assemblea dei soci di UCINA Confindustria Nautica, nella quale è stata annunciata la data del 59° Salone Nautico Internazionale di Genova

La manifestazione si svolgerà dal 19 al 24 settembre 2019.

UCINA ha scritto in una nota: “Si tratta di una decisione che conferma la soddisfazione degli operatori del settore nei confronti della manifestazione riconosciuta quale asset strategico per presentare al mercato internazionale i propri prodotti e per consolidare e promuovere l’immagine delle proprie aziende.”

Il direttore commerciale del Salone Nautico Alessandro Campagna da dichiarato: "L’indagine di Customer Insight realizzata da GRS Research&Strategy ha rivelato che oltre il 78% dei nostri espositori è soddisfatto del posizionamento della manifestazione. Percentuale che incrementa decisamente e sfiora il 100% per la riconferma di partecipazione all’edizione 2019”.

A Roma l’assemblea di UCINA per parlare del futuro della nautica

d15de51e8f7d8e2d3046c26dfe23b6c4.jpg

Si terrà il 19 dicembre a Roma presso la Pinacoteca del Tesoriere di Palazzo Patrizi, l’Assemblea Generale dei Soci di UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA che vedrà riuniti gli imprenditori della nautica da diporto per una giornata di lavori, di confronto e di aggiornamento sul settore.

Primo appuntamento, al mattino, con la sessione privata dell’Assemblea. Alle 14.30, la giornata proseguirà con l’Assemblea pubblica organizzata in una tavola rotonda dal titolo “Competere con il mondo, confrontarsi con l’Italia. L’industria nautica traccia la rotta”.

L’andamento del fatturato globale del settore ha registrato negli ultimi anni una ripresa significativa e consolidata che, partendo dai minimi del 2013, ha registrato in soli 4 anni un incremento del 60% (nel 2017 il fatturato globale è stato pari a 3,88 miliardi di euro, con un 12,8% in più rispetto al 2016), performance che forse nessun altro settore industriale in Italia ha saputo generare. Anche il Salone Nautico, organizzato da UCINA Confindustria Nautica a Genova, per l’edizione 2018 ha registrato numeri di assoluto rilievo con 174.610 visitatori (il 16% in più rispetto allo scorso anno), 951 brand esposti e oltre 1.100 imbarcazioni.

Si tratta ora di mantenere stabile per il futuro questo trend positivo, fornendo alle imprese le migliori condizioni per operare. La tavola rotonda organizzata a Roma da UCINA intende fornire alle aziende e agli operatori del settore un focus sullo scenario economico, politico e industriale per comprendere dove sta andando l’industria della nautica da diporto.

Nello specifico, il convegno sarà aperto da un focus sugli scenari macro economici – dall’Unione Europea alla situazione italiana, passando per la Brexit – che saranno delineati grazie alla relazione del professor Carlo Cottarelli, economista italiano, Direttore dell’Osservatorio dei Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Seguiranno gli interventi di Ruggero Aricò, Vice Presidente di Confindustria Assafrica e Mediterraneo, per gli scenari geopolitici, Matteo Borsani, Direttore della Delegazione Confindustria presso l’UE, per gli scenari europei, Luigi Paparoni, Direttore Brand Identity Confindustria, sulle opportunità offerte da Connext, il primo incontro nazionale di partenariato industriale di Confindustria, Gianni Pietro Girotto, Presidente Commissione Industria del Senato, sugli scenari industriali. Le conclusioni della tavola rotonda saranno affidate all’On. Edoardo Rixi, Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti con un quadro sulle riforme del settore e sugli scenari politici finanziari dell’Italia.

L’Assemblea sarà, infine, l’occasione per un aggiornamento sui dati di mercato con le prime previsioni 2019 e per comunicare ufficialmente le date del 59° Salone Nautico organizzato a Genova da UCINA Confindustria Nautica.

© ucina.net

Approvato il regolamento per l'attuazione del Registro

© ANSA

© ANSA

UCINA ha reso noto che il Consiglio dei Ministri ha approvato il regolamento per l'attuazione del Sistema telematico centrale della nautica da diporto. 

Il Vicepresidente Maurizio Balducci ha commentato così: "È un risultato che porterà un taglio netto alla burocrazia, alla duplicazione dei controlli in mare e offrirà agli istituti finanziari e al mercato della nautica una certezza fondamentale. Adesso attendiamo le regole operative e confidiamo che il Governo accolga i nostri suggerimenti". 

La nuova normativa serve a regolamentare le modalità di funzionamento del SISTE, disciplinando la progressiva informatizzazione della tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto e la digitalizzazione del rilascio dei documenti di navigazione, che per le unità nuove sarà operativa da gennaio 2020.

In particolare, introduce una radicale semplificazione e razionalizzazione circa la modalità di tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto, che saranno completamente informatizzati.

Il testo prevede, inoltre, la devoluzione delle competenze di conservatoria a un'unica autorità centrale competente su tutto il territorio nazionale, e l'istituzione di sportelli telematici del diportista (STED) - vere e proprie agenzie dislocate su tutto il territorio nazionale e in collegamento con la banca dati centrale - al servizio degli utenti per tutte le operazioni di iscrizione e cancellazione delle unità da diporto nei relativi registri e il rilascio dei documenti di navigazione.

Accolto il ricorso di Ucina per l’assegnazione della darsena

20151015173733-fiera_darsena.jpg

Ucina, in seguito alla decisione dell'Autorità di sistema portuale di Genova-Savona di affidare l'area per il 40% alla Confindustria nautica e per il 60% al cantiere genovese Amico & Co., ha fatto ricorso al TAR per contestare questa scelta.

 

Il Tribunale amministrativo della Liguria ha accolto la richiesta ed ha fissato per il 13 febbraio prossimo un’udienza di giudizio di merito abbreviato sulla concessione della Darsena nautica di Genova.

 

Ucina in una nota ha dichiarato che "ritiene questa una grande attenzione rivolta dal Tar alla comunità cittadina che in questi anni ha fruito in diverse forme degli spazi, a terra e a mare, della darsena sia per il diporto sia per le attività sportive, ricreative e sociali veliche nonché per il Salone Nautico Internazionale. Riscontriamo con favore il pronunciamento e attendiamo con fiducia l'esito del giudizio di merito".

Hubbel presenta la nuova linea di Trasformatori di Isolamento per la nautica

Schermata 2018-11-07 alle 13.09.11.png

Hubbell Marine è orgogliosa presentare la sua nuova linea di Trasformatori di Isolamento specificamente progettati per l'industria nautica. In allegato troverete la nuova brochure Hubbell con le principali caratteristiche tecniche dei prodotti..

I trasformatori di isolamento compensano le situazioni di bassa tensione, salvaguardano le apparecchiature elettroniche sensibili a bordo, prevengono la corrosione galvanica dalla polarità invertita e proteggono i nuotatori da elettrocuzione di corrente parassita potenzialmente letale. I trasformatori di isolamento Hubbell Marine da 15 kVA e 25 kVA sono disponibili con l’ opzione Auto-Boost.

Durante l'avvio, l'Auto-Boost di Hubbell valuta immediatamente l'impianto elettrico e può aumentare automaticamente l'uscita del 12,5% per compensare la bassa tensione (195-220 Volt). Dopo l'accensione iniziale, entra in modalità statica o può monitorare e regolare la tensione ogni ora in modalità dinamica.

Il pannello di controllo remoto è facilmente programmabile per aumentare il voltaggio da 190 V fino a 220 V. ed è completo di un cavo da  9,7 m.

I trasformatori di isolamento Hubbell Marine sono più compatti in termini di dimensioni e peso rispetto ad altri modelli sul mercato, rendendoli più facili da installare in sale macchine con spazi limitati.

 

Entrambi sono disponibili in acciaio verniciato bianco resistente alle polveri o in acciaio inossidabile 316.

I modelli da 15 kVA sono adatti per impianti a 50A (60 Hz) e per impianti a 32 A (50/60 Hz).

I modelli da 25 kVA sono adatti per impianti a 100A (60 Hz) e per impianti a 63A (50/60 Hz).

Potrete consultare nella brochure in allegato altri prodotti Hubbell abbinabili ai nuovi Trasformatori di Isolamento.

Salone Nautico, visitatori in aumento

58-salone-nautico-sergio-mattarella.jpg

La presidente di Ucina, Carla Demaria, alla conferenza stampa di chiusura della 58esima edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova ha parlato del dato molto incoraggiante che riguarda l’affluenza di visitatori:

 

"Il dato alle ore 11 di oggi è di 163.418 visitatori. L’anno scorso erano stati 148mila, era stato un balzo straordinario ed era già faticoso pensare di andare oltre.  Lo abbiamo fatto, e significa un 10,3% in più di accessi. Abbiamo fatto una serie di calcoli, probabilmente chiuderemo questa sera sfiorando le 175mila presenze, che vuol dire assestarsi tra il 16 e il 18% di crescita". 

 

Parlando dei visitatori stranieri, provenienti prevalentemente da Francia, Spagna, Grecia ma anche da Israele, Australia, Hong Kong ha aggiunto:

 

“Eravamo assestati su un 30% e lo supereremo di qualche punto, vuol dire 60mila visitatori stranieri”.

 

 

Comunicato stampa - Presentazione ufficiale 58° Salone Nautico

SN58PressConference_18sg_0116.jpg

E’ stato presentato questa mattina a Milano, presso la sede de Il Sole 24 Ore, il 58° Salone Nautico organizzato a Genova dal 20 al 25 settembre da UCINA Confindustria Nautica. Sono intervenuti il Sindaco di Genova, Marco Bucci, il Direttore Marittimo della Liguria e Comandante del Porto di Genova, Ammiraglio Nicola Carlone, il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, il Presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria, e il Direttore Generale di Agenzia ICE, Piergiorgio Borgogelli. Moderatore della conferenza è stato il Vice Direttore de Il Sole 24 Ore, Alessandro Plateroti.

 

Il Salone Nautico sarà la prima vetrina internazionale per la città, dopo la tragedia di ponte Morandi, ad accogliere visitatori e operatori da tutto il mondo. La macchina lavora a pieno ritmo consapevole delle aspettative che la città di Genova nutre, ancora di più, sull’evento.

 

Marco Bucci, Sindaco di Genova: “Il Salone Nautico è una grande opportunità per dare un messaggio che Genova è una città in crescita che vuole essere la prima città del Mediterraneo. La tragedia di Ponte Morandi non può fermare questo percorso di crescita. Mi aspetto un grande Salone con più espositori e visitatori del 2017. Genova saprà dare contributi di arte, tempo libero, eventi di alto livello ancora più dello scorso anno. Per quanto riguarda la viabilità, stiamo lavorando per avere una strada in più già prima del Salone. Ad oggi, la viabilità sta funzionando e sono certo che per il Salone non ci saranno problemi di mobilità”.

 

Ammiraglio Nicola Carlone, Direttore Marittimo Liguria e Comandante Porto di Genova: “Faremo di tutto per agevolare la viabilità per non far soffrire Genova e godere al meglio il 58° Salone Nautico”.

 

Giovanni Toti, Presidente Regione Liguria: “Il dato positivo che emerge oggi è la volontà di restare uniti e di unire. Questo è il messaggio che è arrivato in questi giorni e che arriverà durante le giornate del Salone Nautico. Ho trovato nel Salone Nautico uno spirito e una tenacia che lo contraddistinguono da 58 edizioni. In 58 anni abbiamo vissuti momenti difficili, alcuni dei quali hanno aperto le pagine più belle del nostro Paese. Il Salone Nautico è la prima manifestazione in cui l’entusiasmo e la tenacia con cui abbiamo lavorato sarà visibile non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Sarà un ottimo Salone e un’occasione per vedere una bella città e un’Italia che rinasce da un evento difficile. Quest’anno visitare il Salone Nautico sarà anche un segnale di cittadinanza attiva: saranno in tanti a venire al Salone e saranno in tanti ad ammirare le bellezze di Genova e la capacità di fare sistema e fare comunità per progettare insieme il futuro. Esattamente quello che abbiamo fatto in questi anni con il Salone Nautico”.

 

Edoardo Rixi, Sottosegretario Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: “Oggi tra Governo ed UCINA esiste un percorso già avviato per andare a rivedere quelle norme e quei punti che non sono stati risolti in passato con l’obiettivo di consolidare la crescita del settore. In occasione del Salone Nautico, dobbiamo dare un segnale forte di ciò che sa fare il Sistema Paese e cosa sa fare l’industria della nautica da diporto. Dal mare può nascere ricchezza: dallo sviluppo del settore della nautica possono nascere posti di lavoro e risorse per il Paese. Oggi, in occasione della conferenza stampa del 58° Salone Nautico, diciamo con forza che la nautica vuole tornare ad essere leader a livello europeo e a livello mondiale”.

 

Carla Demaria, Presidente UCINA Confindustria Nautica: "Genova con il Salone Nautico avrà un banco di prova importante e saprà mostrarsi anche per la sua bellezza. Non ci sono opzioni. Sarà il Salone Nautico più bello di sempre".

 

La Presidente di UCINA ha poi continuato: “Il Salone Nautico sente forte la responsabilità di provare che Genova è in grado di reagire con tutte le sue energie alla tragedia che l’ha colpita. Abbiamo lavorato moltissimo, in rispettoso silenzio, perché abbiamo sentito fortissima la responsabilità – duplice – verso le aziende del nostro settore e verso la città che lo ospita. E’ chiaro che lo strumento del Salone Nautico è uno strumento da difendere. Nessuno ha fatto un passo indietro. Da 58 anni siamo orgogliosi di fare la nostra parte per Genova”.

 

Il 58° Salone Nautico si inserisce in un contesto economico mondiale, europeo e italiano che si conferma positivo. Un trend di crescita consolidato per l’industria della nautica in Italia con un incremento del fatturato complessivo ancora una volta a due cifre. Come di consueto i dati del comparto sono contenuti nell’edizione de La Nautica in Cifre, realizzata dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica, in partnership con Fondazione Edison ed Assilea, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che sarà divulgata il prossimo 20 settembre.

 

Il mercato interno continua a crescere (+15,4%), trainato anche dal settore del leasing che ha registrato un +58% di stipulato nel 2017. Nei primi 5 mesi del 2018, il leasing ha registrato un +29% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

 

La totalità degli espositori della scorsa edizione ha confermato la loro partecipazione. Il dato sale a 948 espositori, pari a un +7,2% di crescita rispetto al 2017. Sono 62 le nuove partecipazioni, di cui 58% dall’estero. Un’edizione che è stata sviluppata valorizzando l’identità di ogni segmento rappresentato, rafforzando sempre più la natura multispecialista dell’evento Salone che diventa un contenitore di 4 saloni specializzati.


In occasione dell’edizione 2018 del Salone Nautico, ICE-Agenzia, attraverso il Piano Straordinario di Promozione del Made in Italy varato dal Ministero dello Sviluppo Economico, e UCINA Confindustria Nautica, hanno organizzato un progetto di incoming di giornalisti e operatori esteri – ha dichiarato Carla Demaria. “A conferma della valenza internazionale della manifestazione, saranno presenti 73 giornalisti delle più importanti testate internazionali e 87 buyer esteri provenienti da 27 nazioni. Sono già stati programmati oltre 800 incontri e coinvolti 1648 operatori italiani”.

 

Piergiorgio Borgogelli, Direttore Generale Agenzia ICE, ha aggiunto: “Il settore della nautica da diporto è un settore ad alta propensione di export e che contribuisce al saldo della bilancia commerciale per il 9%. Quest’anno al Salone Nautico, unico punto di riferimento di tutta la filiera di cui è il fiore all’occhiello, portiamo il meglio della distribuzione e della stampa internazionale. Dallo scorso anno le attività non si concentrano solo sulla comunicazione durante l’evento ma anche su una campagna di follow up che tiene vivo il messaggio del Salone durante tutto l’anno. A queste iniziative si aggiunge la presenza alle principali fiere estere in collaborazione con UCINA”.

 

Alessandro Campagna, Direttore Commerciale Salone Nautico: “Il Salone si evolve da contenuto a contenitore di quattro Saloni specializzati: accessori e componenti (area tech trade: 12.000mq e un incremento del 16,8% di espositori), fuoribordo (+23% su 22.000mq di piano espositivo e 24.000mq di specchio acqueo), vela (cresce la dimensione media delle imbarcazioni esposte su 16.000mq di piano espositivo e 18.000mq di specchio acqueo), yacht & superyacht (+13%, 46 imbarcazioni in più su 21.000mq di piano espositivo e 62.000mq di specchio acqueo)”.

 

Ammiraglie del Salone saranno, per la vela, il Mylius 80’ e, per il motore, il nuovo 48 metri T-Line dello storico cantiere Baglietto.

 

Il 58° Salone Nautico è piattaforma globale di confronto istituzionale, tecnico e di mercato. Saranno sei i giorni dedicati ininterrottamente ai convegni istituzionali del ForumUCINA, workshop, eventi e premiazioni sportive, tra le quali quella della regata Millevele organizzata dallo Yacht Club Italiano.  A queste iniziative si affiancano le attività del Sea Experience dove sarà possibile provare le ultime novità in fatto di sport acquatici e il programma di eventi fuori Salone in città, GenovaInBlu

 

Di grande rilievo i partner della 58a edizione del Salone NauticoBentley è auto ufficiale del 58 Salone Nautico e Breitling orologio ufficiale dell'evento. Main sponsor sono Fastweb e Samsung, sponsor Afex, Banca Carige, Tenuta San Pietro, VisionOttica. Partner tecnici: Eataly, Compagnia dei Caraibi, Sail-O. Sponsor e partner hanno condiviso la visione e il progetto del 58° Salone Nautico e svolgono un ruolo attivo nell'ambito della manifestazione offrendo servizi dedicati agli espositori e ai visitatori.

 

Altrettanto di rilievo, in un’ottica di valorizzazione dei servizi dedicati ai singoli target, la nuova VIP Lounge, un format pensato per l’accoglienza ad alto livello degli ospiti nazionali e internazionali in uno spazio raffinato, ricco di eventi e performance artistiche. I partner della Vip Lounge sono Circle Dynamic Luxury Magazine, Marchesi Antinori, Gaggenau, Cortese – Premium Soft Drink, Fondazione Lucia Matalon, Omlog, Giorgetti, Sandrini, Vesoi.

 

 

Milano, 3 settembre 2018

 

Ufficio Stampa UCINA Confindustria Nautica

 

La 58esima edizione del Salone Nautico

salone_nautico_panorama1.jpg

Durante la presentazione della 58esima edizione del Salone Nautico di Genova, che si terrà dal 20 al 25 settembre, la presidente di Ucina, Carla Demaria, ha dichiarato:

 "Sentiamo su di noi una grandissima responsabilità: quella di provare al mondo che Genova è in grado di reagire. E alla luce di questa responsabilità oggi dico che Genova ce la farà, il Salone sarà all'altezza delle aspettative. Non solo proveremo al mondo che Genova ce la fa, ma che l'Italia ce la fa e il Salone di Genova, cresciuto a due cifre negli ultimi tre anni, dimostrerà che siamo in grado di confermare la crescita degli ultimi anni".

Nel suo intervento, Edoardo Rixi, sottosegretario alle Infrastrutture, ha aggiunto:

"Voi del Salone avete l'onore e l'onere di organizzare la prima grande manifestazione internazionale dopo il crollo del ponte. Il Salone rappresenterà la svolta. La nautica per il Governo è un settore strategico".

Patente nautica per i motori sopra i 750 cc rimandata al 2019

© LIGURIANAUTICA.COM

© LIGURIANAUTICA.COM

Edoardo Rixi, sottosegretario ai trasporti e alle infrastrutture, a proposito della proroga inserita nel DL 25 luglio 2018 n.91, che riguarda l’obbligatorietà di patente nautica per chi guida barche a motore ha dichiarato: 

“Dopo aver riunito in un apposito tavolo tecnico al Mit le associazioni della nautica da diporto, la Lega navale e le Capitanerie di porto è emersa la necessità di prorogare al 1 gennaio 2019 l'entrata in vigore dell'obbligo della patente nautica per i motori marini a cilindrata superiore a 750 cc a iniezione a 2 tempi (40 cavalli) per dare omogeneità normativa al settore della locazione dei natanti e tutelare le migliaia di proprietari”.

“Con la norma entrata in vigore a febbraio, infatti, oltre 200 imprese del settore, che avevano acquistato piccole imbarcazioni con questa tipologia di motori marini, non avrebbero potuto svolgere la propria attività, nella stagione estiva, con grave danno all’occupazione e all’indotto. Con la proroga al 1 gennaio 2019 dei termini di legge, diamo la possibilità a tutti i locatori di potersi mettere in regola, con la massima attenzione a tutti gli aspetti collegati alla sicurezza a bordo e in mare, sanando così un vulnus normativo che avrebbe penalizzato un numero cospicuo di imprese che fanno turismo sulle nostre coste e circa 8.000 proprietari”.

“Con il decreto, già operativo dal 26 luglio abbiamo salvato la stagione di seimila diportisti e anche alcune centinaia di aziende di locazione di piccoli natanti che non avrebbero potuto lavorare, con grave danno anche per l'indotto, la nautica è strategica per il nostro Paese e vogliamo valorizzare le potenzialità del comparto con la massima attenzione ad ambiente e sicurezza”.

Lamberto Tacoli rieletto presidente di Nautica Italiana

lamberto-tacoli-nautica-italiana-1024x683.jpg

È stato confermato alla guida di Nautica Italiana Lamberto Tacoli.

I soci dell’associazione si sono riuniti a Milano ed hanno votato per avere in carica per i prossimi tre anni l’amministratore delegato di Perini Navi. Sono inoltre stati riconfermati Michele Gavino (CEO di Baglietto) e Giovanna Vitelli (vice presidente di Azimut/Benetti) alla vice presidenza.

Tacoli, in merito alla sua nomina, ha dichiarato: "Sono grato a tutte le aziende associate a Nautica Italiana per aver voluto accordare la propria fiducia non solo a me e al nuovo Comitato di Presidenza, ma alla continuità di un progetto innovativo, strategico per il presente ed il futuro del nostro comparto. Ho il mandato pieno di lavorare per il ricongiungimento con Ucina. Lo spirito del nuovo mandato sarà improntato ad alcuni obiettivi per noi fondamentali: piena trasversalità nella rappresentanza di tutta la filiera d'eccellenza del Made in Italy nautico; connessione con i mercati globali, supporto alle piccole e medie imprese sui territori; mano tesa alle forze, istituzionali e associative, che vogliano collaborare per rimettere la nautica al centro dell'agenda nazionale ed europea".

Il primo Salone Nautico del lusso a Venezia

venice-3183168_1280.jpg

“Voglio annunciare in questa occasione che dal prossimo anno, tra maggio e giugno, vogliamo provare a fare a Venezia il primo Salone Nautico del lusso”.

Così è intervenuto il sindaco di Venezia, Giovanni Brugnaro, a palazzo ducale per celebrare il 50° anniversario di Ferretti Yachts.

"Venezia si mette al servizio dell'industria nautica italiana. La nautica è nella tradizione storica di questa città, e la filiera della nautica dà lavoro a migliaia di persone. È un settore da sostenere e Venezia è pronta a fare la sua parte, con convinzione".

“Ci metteremo subito al lavoro insieme al Gruppo Ferretti, ad altri primari operatori che fossero interessati, a tutte le istituzioni veneziane e alla Marina militare - ha continuato Brugnaro - per provare ad organizzare la prima edizione del Salone di Venezia 2019 all’Arsenale”.

Noleggio a lungo termine, presto anche nella nautica

yacht-838708_1920.jpg

Al convegno Satec 2018 “Scenari economici una rotta per la nautica”, organizzato da Ucina, si è parlato del noleggio a lungo termine applicato anche al settore della nautica da diporto.

Paolo Ghinolfi, amministratore delegato di Sifà, ha fatto notare come il mercato del noleggio nel settore delle automobili sia cresciuto, definendolo un settore “sempre attento all'evoluzione dei mercati, all'avanguardia nella ricerca di nuovi canali di distribuzione, e nelle soluzioni finanziarie innovative”.

I dati dimostrano come, dal 1995 al 2017, le auto immatricolate ogni anno siano passate da 5.000 a 350.000.

“Questa trasformazione anche culturale dall'acquisto all'uso porta con sè una serie di innovazioni tecnologiche quali la firma digitale, l'utilizzo di App, l'utilizzo della manutenzione predittiva, e dell'organizzazione che vede sempre più la rete commerciale legarsi ai servizi di assistenza post vendita” ha aggiunto Ghinolfi. “Il noleggio a lungo termine permette una serie di vantaggi quali economie di scala e la fornitura di servizi efficienti e convenienti grazie ai consorzi creatisi fra le aziende. Stiamo maturando il pensiero di mettere a disposizione del mercato della nautica da diporto un sistema di questo tipo".

Marco Bucci ospite a Rapallo al convegno Satec

© ligurianautica.com

© ligurianautica.com

Al convegno “Una rotta per la nautica”, organizzato all’Excelsior Palace Hotel di Rapallo dalla Satec, è intervenuto anche Marco Bucci, sindaco di Genova, che ha dichiarato:

“Il capoluogo ligure si vuole candidare a essere il centro della nautica da diporto: ritengo che per Genova il diporto sia uno sviluppo industriale.

Stiamo lavorando per fare sì che il diporto diventi una porzione importante della blue economy anche con il waterfront di levante, perché nel progetto c’è una porzione importante dedicata al diporto. A Genova ci sono già 4mila imbarcazioni per diporto, vuol dire circa 20mila persone che vanno per mare su imbarcazioni registrate, più quelle che vanno sui natanti non registrati. È un’industria già importante che vogliamo rilanciare, perché Genova ha tutte le caratteristiche per essere la prima del Mediterraneo. Significa dare spazio ai cantieri, a chi fa manutenzione, a chi fa manutenzione anche sulle attrezzature e accessori, a chi vuole fare ospitalità, agli ormeggi per rimessaggio invernale e ormeggio estivo”.

 

Ultimo commento, a proposito del Salone Nautico:

“È un’eccellenza, vogliamo continuare a investire. Deve competere con Miami e Fort Lauderdale, vogliamo che diventi un salone mondiale”.

Comunicato AdnKronos: Una missione per valorizzare la nautica italiana

genoa-2058276_1920.jpg

Riprendiamo il comunicato di AdnKronos del 13/04/2018, in merito alla missione di promozione all’estero dei principali distretti nautici di Liguria e Toscana.

Si è conclusa la missione Incoming con la quale Ice-Agenzia per la promozione all'estero e l'internalizzazione delle imprese italiane e Ucina Confindustria Nautica hanno portato dal 9 aprile una delegazione di giornalisti stranieri in visita ai principali distretti nautici di Liguria e Toscana. I giornalisti, provenienti da Europa, Russia ed Emirati Arabi, hanno visitato i cantieri nautici Permare – Amer Yachts, Otam, Baglietto e San Lorenzo in Liguria e Benetti Yachts, Cantieri Navali Codecasa, Rossi Navi e Overmarine in Toscana.

La delegazione ha potuto toccare con mano l'eccellenza della filiera della nautica da diporto in Italia, grazie alla presentazione di alcune importanti realtà del settore: F.lli Razeto&Casareto, AB Volvo Penta, Marina di Loano, Veleria San Giorgio, Gianneschi Pumps and Blowers. La missione di Incoming rientra nel piano di promozione e di sostegno alla filiera nautica italiana promosso da Ucina Confindustria Nautica grazie al sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia che si sviluppa attraverso un articolato programma di supporto alle aziende e al Salone Nautico Internazionale di Genova, in programma dal 20 al 25 settembre prossimi.

"Il Salone Nautico Internazionale di Genova è il principale evento espositivo italiano del settore - ha dichiarato Ferdinando Pastore, Dirigente dell'Ufficio Tecnologia Industriale, Energia e Ambiente di ICE Agenzia - Al fine di conferire maggiore visibilità al prodotto dei cantieri e delle aziende del settore nautico italiano sulla stampa estera specializzata abbiamo organizzato, in collaborazione con Ucina Confindustria Nautica, una serie di visite ai distretti nautici di Liguria e Toscana di una delegazione di giornalisti esteri."

"La missione di incoming si inserisce nell’ambito del progetto di follow up del Salone Nautico Internazionale di Genova, unica manifestazione italiana iscritta nel calendario fieristico internazionale", ha dichiarato Marina Stella, Direttore Generale di Ucina "Il Piano Made in Italy prevede una campagna di follow up del Salone Nautico di Genova continuativa, con uscite sulle principali testate internazionali - tra cui Yachting World, IBI, Boote e Boote Exclusive, Neptune Yachting Moteur, The World of Yachts -, in concomitanza con i primari saloni esteri di settore dove Ucina Confindustria Nautica e il Salone Nautico di Genova sono state presenti: il Fort Lauderdale Boat Show, il METS di Amsterdam, il Boot di Düsseldorf, il Dubai International Boat Show.

Il sostegno del Piano Made in Italy e il supporto del MiSE e di ICE Agenzia premiano un Salone Nautico Internazionale di Genova che, nell’ultima edizione, ha registrato numeri importanti e in continua crescita: 148.288 visitatori, 884 brand, oltre 1.000 le imbarcazioni in esposizione e ben 32 Paesi rappresentati".

Articolo originale: http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2018/04/13/una-missione-per-valorizzare-nautica-italiana_xoSktqzy5pfWQ4g464lM2K.html